lunedì 15 ottobre 2012

La tassazione in Canada

In queste settimane ho cercato di capire come funziona il sistema fiscale canadese, nella speranza di dover usufruire di queste informazioni nella prossima dichiarazione dei redditi. Visto che mi è anche stato chiesto da altre persone quante tasse si pagano in Canada, ho deciso di approfondire la questione e scriverci un post.

Il sistema fiscale
Come in Italia, le principali fonti da cui lo Stato attinge sono diverse:
  • Tassa sui redditi
  • Tassa sulle proprietà
  • Tasse sulle vendite

Tassa sui redditi - Income tax
Il Canada è uno stato federale, per cui non vi è un'unica aliquota, ma una federale, che va al governo centrale, e una provinciale, che viene incassata dal governo centrale e poi girata alla Provincia di residenza.
Per quanto riguarda la tassa federale vi sono 4 scaglioni, i cui limiti sono aggiornati ogni anno; per il 2012 vale la seguente tabella:

Canadian federal marginal tax rates of taxable income
$0 - $42,707
$42,708 - $85,414
$85,415 - $132,406
over $132,407
15%
22%
26%
29%


Anche la tassa provinciale ha diversi scaglioni, che variano in numero, limite e aliquota da provincia a provincia. Per la British Columbia, le aliquote del 2012 sono le seguenti:

BC provincial marginal tax rates of taxable income
$0 - $37,013
$37,014 - $74,028
$74,029 - $84,993
$84,994 - $103,205
over $103,205
5.06%
7.7%
10.5%
12.29%
14.7%


Il sistema di calcolo è progressivo, ovvero l'aliquota è applicata dividendo il proprio reddito nei vari scaglioni. Il rientrare, per esempio, nello scaglione del 26% non significa pagare il 26% su tutto l'imponibile; la tassazione sulla parte dell'imponibile che rientra negli scaglioni precedenti è la stessa per tutti quanti. Lo spiego meglio con un esempio. L'aliquota massima che a volte si legge, pari al 43,7% in realtà non esiste.

Tizio ha guadagnato nell'anno solare $50,000. Sui primi $42,707, applica il 15% pari a $6,406. Sui restanti $7,293 applica l'aliquota del 22%, pari a $1,604. Il totale della tassa federale è di $6,406+$1,604=$8,010.
Per la tassa provinciale, sui primi $37,013 applica il 5.06%, pari a $1,873. Sui restanti $12,987, applica l'aliquota del 7.7%, pari a $1,000. Il totale della tassa provinciale è $1,873+$1,000=$2,873.
Il totale di tassa federale più provinciale è $8,010+$2,873=$10,883, pari al 21,8%, ben inferiore alla somma delle due aliquote marginali (22%+7.7%=29.7%).

Tuttavia esiste un limite inferiore di reddito, al di sotto del quale non si applica alcuna aliquota; tale limite è di $10,822 per la tassa federale e di $11,354 per la tassa provinciale della British Columbia.
Dal reddito è possibile applicare delle deduzioni, per arrivare all'importo su cui applicare le aliquote.

Tassa sulle proprietà - Property tax
Analogamente all'IMU (o alla vecchia ICI) italiana, la tassa sugli immobili è destinata alla municipalità stessa. Per Vancouver, per esempio, è pari al 0.406% del valore dell'abitazione. Valore che è è determinato annualmente dalla BC Assessment, organismo che si dedica a questo compito coprendo 2 milioni di abitazioni in tutta la British Columbia.

Tassa sulle vendite - Sales tax
Questa tassa corrisponde all'IVA italiana, ma con valori molto più bassi. Inoltre ha subito recenti cambiamenti e ne subirà di nuovi nel 2013. Partiamo dall'inizio: il governo centrale ha introdotto, ancora nel 1991, la Good and Services Taxes, meglio nota come GST. inizialmente del 7% e, negli ultimi anni del 5%. Questa era affiancata dalla Provincial Sales Tax, o PST, variabile da provincia a provincia (per la British Columbia, pari al 7%). Il primo luglio 2010 la GST e la PST vennero fuse nella HST (Harmonized Sales Tax), pari al 12%. Una grossa differenza, però, era il sensibile aumento della tassazione su alcuni beni che, con il sistema GST+PST, ricevevano solo la tassazione federale ed erano invece esenti dalla PST. Un referendum dell'estate 2011 ha deciso per il ritorno alla gestione separata dell'imposta sul valore aggiunto. A partire dal 1 Aprile 2013 la British Columbia ritornerà al sistema GST+PST. Per quanto riguarda la PST, essa sarà analoga alla versione precedente, per cui non si pagherà la PST per andare al ristorante  per comprare la verdura. L'aliquota sarà del 7%, tranne per le strutture ricettive che avranno l'8% e per gli alcolici che saranno tassati al 10%. Infine, l'aliquota sarà variabile con il valore dell'auto che si acquista.

Tax return
Ad ogni stipendio (generalmente ogni due settimane) viene trattenuta una parte per le tasse, sulla base della stima del totale che si raggiungerà a fine anno. Poi, al momento della compilazione della dichiarazione dei redditi, con il totale guadagnato nell'anno (o la sua proiezione se abbiamo lavorato solo per una frazione dell'anno) si integra pagando ulteriori soldi, o si avrà un credito che ci verrà restituito.
In caso di reddito basso, si ha anche diritto ad un rimborso dell'imposta sul valore aggiunto. Viene fatta una stima delle spese di una persona e su questa viene restituita l'HST.
Infine, se si è stranieri e si è in Canada da meno di 6 mesi si ha diritto al rimborso delle tasse pagate. Se invece, si è in Canada da più di 6 mesi, anche se non cittadini, si è considerati alla pari di un canadese per quel che riguarda il pagamento delle tasse.

Conclusioni
L'argomento tasse è ovviamente molto più ampio e complesso. Come in Italia, vi sono un'infinità di deduzioni, conteggi vari, casi particolari che vanno analizzati e valutati singolarmente. Questa è una panoramica generale. Per chi volesse approfondire, la risorsa numero uno è la Canada Revenue Agency. Sul sito si trovano anche tutti i moduli e le guide alla compilazione della dichiarazione dei redditi.
In ogni caso, dall'osservazione di dati statistici pubblicati anche in Italia un po' di tempo fa, il Canada ha una tassazione pari al 31% del PIL, contro il 43% dell'Italia (fonte OECD). In linea di massima sembrerebbe esserci una tassazione minore, ma anche qui si lamentano delle "tasse nascoste", come le accise sul carburante per esempio.

49 commenti:

  1. Bellissimo articolo Nicola.. Grazie!
    La cosa sconvolgente è che questi 12 punti percentuali di tassazione che ci separano, comunque in Italia non offrono servizi in più (Anzi siamo indietro decenni rispetto a loro per qualità dei servizi).
    Mi piacerebbe capire uno stipendio base, del lavoro più scarso, mediamente su quale fascia si posiziona.
    Da nessuna parte riesco a trovare questa informazione.

    RispondiElimina
  2. Il salario minimo è stabilito per legge e varia da provincia a provincia; in BC è 10.25$. L'orario standard è il classico 40 ore settimanali, 8 ore al giorno. Al massimo si può arrivare a 48 ore settimanali, con gli straordinari pagati tra 1 e 1.5 volte la paga normale. Facendo quindi un rapido conto basato sull'orario standard, sono 82$ al giorno per 22 giorni lavorativi sono 1804$/mese, lordi. Significa arrivare a 21,000$/anno, quindi devi poi toglierci il 20% (tassa federale+provinciale). Netti ti restano quindi circa 1440$/mese.
    Il salario minimo si applica nei lavori senza skill e dove è facile essere rimpiazzati: tipicamente camerieri, aiuto cuochi, barista. Poi se hai un minimo di esperienza e di responsabilità in più, stai poo ad andare ai 13-15$/ora (per esempio il barista che prepara cocktail e ha esperienza).
    Poi i lavori skilled vengono pagati molto bene: un ingegnere neolaureato, appena uscito dall'università e con zero esperienza prende come primo stipendio 20-25$/ora lordi. Paga che aumenta di anno in anno fino ad arrivare ai 50$/ora appena si passa l'esame di abilitazione e si diventa PEng (sono 4 anni di pratica). Poi si continua a salire.

    RispondiElimina
  3. CIAO NICOLA, CONFERMO I COMPLIMENTI PER IL POST, MOLTO CHIARO ED ESAUSTIVO.

    TI VOLEVO CHIEDERE SE SAI DI PROFESSIONISTI DEL CAMPO EDILE CON ESPERIENZA MATURATA IN ITALIA CHE SI SONO TRASFERITI, INTENDO PERSONE OVER 40, SE TROVANO LAVORO PRESSO IMPRESE O STUDI ASSOCIATI O TENDENZIALMENTE AVVIANO UNO STUDIO PROFESSIONALE IN PROPRIO?

    ED INOLTRE CHE IMPRESSIONE PERSONALE TI HA DATO IL CANADA PER CHI HA INTENZIONE DI TRASFERISI IN PIANTA STABILE ED AVVIARE UN'ATTIVITA' PROFESSIONALE O CEMMERCIALE IN PROPRIO?

    TI RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE PER LA RISPOSTA.

    NIK

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie per i complimenti. Cerco di andare con ordine: non conosco personalmente persone che si sono trasferite qui non più giovanissimi, ma so che ci sono. Si legge dappertutto, e ho trovato conferme anche qui, che c'è carenza di tante figure altamente qualificate (per esempio ingegneri, medici, etc.). Se si ha esperienza dovrebbe essere possibile trovare lavoro ancora più facilmente. Il problema di un giovane, come me, che non ha esperienza è che trova molta concorrenza di altri giovani canadesi. Il processo non è semplice, perchè non ci sono visti come il WHV, facili da ottenere, ma bisogna passare per una sponsorship (che è quasi impossibile da ottenere dall'Italia) oppure chiedendo direttamente la residenza permanente, dimostrando di conoscere la lingua, di avere educazione ed esperienza, ma al momento questo programma è fermo e riaprirà con nuove regole e punteggi a inizio 2013.

      Avviare uno studio in proprio lo reputo impossibile: innanzitutto per aprire un'attività commerciale un non-cittadino deve prestare al governo una ciffra molto alta (si parla di 400.000$) a garanzia della durata dell'attività. Questi soldi vengono restituiti dopo 4 anni circa. Il Canada è disponibile ad ospitare nuove attività, ma queste devono portare un beneficio positivo e a lunga durata e quindi ecco spiegata la garanzia che viene richiesta. Inoltre per avviare un'attività professionale (mi pare di capire che nel caso specifico si parli di ingegneria) è necessaria l'abilitazione, in quanto, come in Italia, è una professione regolamentata. Dimostrando molti anni di esperienza, però, è possibile fare l'equiparazione e diventare P.Eng. abbastanza facilmente, mentre per un giovane come me, bisogna passare per il periodo di formazione di 4 anni e recuperare esami universitari in quanto la laurea italiana non è riconosciuta in Canada. Una visita al sito dell'APEGBC è consigliata (per quanto riguarda la British Columbia, perchè le regole sono stabilite dalle singole associazioni provinciali).

      Come ho detto, appunto, il Canada è ben disposto ad accogliere nuove attività purchè portino un beneficio. Aprire uno studio in proprio, per esempio a Vancouver, è secondo me difficile. Vancouver è dominata dalle grandi compagnie, che spesso, poi, acquisiscono studi privati in zone remote e le trasformano in loro sedi.

      Il consiglio che mi sento di dare è quello di iniziare come dipendente in una grande società, anche perchè quasi tutte sono società le cui azioni sono possedute dai dipendenti stessi. Uno inizia e dopo un paio d'anni ha una piccola percentuale e a fine anno si ritrova la quota che gli spetta, poi, facendo carriera, si prende uno stipendio più alto e quote maggiori, oltre a benefici quali la sanità pagata dall'azienda. Non è come in Italia dove, almeno fino ad una decina d'anni fa, il libero professionista, pur lavorando senza orari, faceva più soldi. Qui gli stipendi sono commisurati al livello di istruzione e all'esperienza, per cui chi si è fatto il "sedere quadro" sui libri ha quello che si merita.

      Quindi iniziare come dipendente permette anche di conoscere meglio e personalmente il mercato e poi decidere il da farsi. E, infine, è anche importante scegliere la città giusta. Vancouver ha molta concorrenza in quanto meta ambita.

      Elimina
  4. Buon giorno, a tutti. Nicola ho trovato il tuo blog preciso, puntuale e utile, ti faccio i miei complimenti. Ho messo giù due conti perchè vorrei spostarmi in Canada anche io, ma con mio sommo stupore ho visto che le tasse sono di più in Canada che in Italia, se prendiamo le trattenute sullo stipendio, quello che loro chiamano Incoming Tax.
    Da quello che ho visto la tassazione Provinciale è quella che ci porta alla pari con l'Italia. Io ho fatto il confronto con il mio possibile stipendio Canadese ed in Canada pagherei 2500€ in più di tasse.
    Certo magari il potere d'acquisto è maggiore perchè la benzina costa meno e l'IVA è al 12% mentre da noi è al 21% per ora, e tutto funziona meglio!!
    Diciamo che come al solito, ed anche qui, chi guadagna tanto paga meno!!
    Il ceto medio invece è super tassato!!!

    Nicola mi aspetto una tua valutazione su questo. Un caro saluto ed presto .. in Canada.. spero!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, premesso che conosco più la tassazione canadese di quella italiana, non avendo mai dovuto fare una dichiarazione dei redditi in Italia, prima di venire qui, mi pare difficile che la tassazione canadese sia più pressante di quella italiana.
      Ho fatto un semplice conto sulla base del mio stipendio canadese, per cui in un anno mi vengono trattenuti 9300$ di sole tasse federali e provinciali (senza contributo pensionistico e senza assicurazione del lavoratore). Trasformando lo stesso stipendio in € e calcolando l'IRPEF con le aliquote del 2012 e ritrasformando il totale di tasse in dollari, mi risultano quasi 16.000$. Certo in Italia uno stipendio così me lo sogno e quindi le tasse che ne conseguono sono più basse. Ragionare in termini assoluti non ha molto senso. In ogni caso le aliquote di partenza sono più basse: l'aliquota più bassa italiana è al 23% per redditi inferiori ai 15.000€, l'aliquota combinata più bassa canadese è 15+5.06=20.06% ma copre fino a quasi 40.000$.
      Come dici te, poi, il potere d'acquisto è maggiore visto l'IVA bassa, la benzina che è circa la metà.

      Aggiungo, che non è riportato nel post, essendo una cosa che ho capito solo in questi giorni, ogni contribuente ha diritto ad una detrazione base che è pari al basic personal amount moltiplicato per l'aliquota più bassa. Per la tassa federale il basic personal amount è 11354$, che moltiplicata per l'aliquota del 15%, significa una riduzione di 1700% e analogamente per la provinciale. Questo basic amount può essere aumentato in particolari condizioni, come figli a carico, disabilità, anzianità, etc.

      Elimina
    2. Ciao Nicola, mi chiamo Matteo. Ho visto su uno dei tuoi post hai nominato il 'contributo pensionistico e assicurazione del lavoratore'. Sai dirmi per piacere a quanto ammontano più o meno? Sto cercando di avere anch'io più info possibili per valutare se andare in canada (ammesso che ci riesca!!) ma nelle mie ricerche in internet non ho mai sentito queste due voci, forse non ho cercato abbastanza o abbastanza bene. Un grazie in anticipo.. e continua a 'postare' che sei ben informato e molto esaustivo!! ciao e grazie ancora

      Elimina
    3. per il 2013 il CPP è al 4.95% del reddito fino ad un massimo di 2356.20$; l'EI è al 1.88% fino ad un massimo di 1247.57$.
      Di seguito i link con le aliquote:
      http://www.cra-arc.gc.ca/tx/bsnss/tpcs/pyrll/clcltng/cpp-rpc/cnt-chrt-pf-eng.html
      http://www.cra-arc.gc.ca/tx/bsnss/tpcs/pyrll/clcltng/ei/cnt-chrt-pf-eng.html

      Elimina
  5. Ciao Nicola,
    complimenti per il tuo blog, sicuramente preciso semplice da comprendere, ma soprattutto indispensabile per chi sta pensando di trasferirsi in Canada.
    Io e la mia famiglia vorremmo da tempo fare questo passo, ma non sappiamo da dove cominciare, nonostante tutte le informazioni avute dal sito ufficiale del Canada.
    In Italia abbiamo un bed & breakfast, ma le camere sono poche per giustificare e soprattutto ammortizzare tutte le tasse, tassette, imposte ed impostine che l'Italia chiede, di contro nonostante i progetti approvati ed i finanziamenti a fondo perduto ottenuti, non si trova una banca disposta a darti una linea di credito per apliare l'attività. Noi viviamo in Trentino, vorrebbo poter gestire o aprire un b&b in Canada nella zona di Vancouver.
    Potresti darmi informazioni riguardo questo tipo di attività B&B o Affittacamere.
    Inoltre se hai informazioni su come si comportano le Banche canadesi in questi casi per un eventuale linea di credito in caso di acquisto di immobile da adibire all'attività.
    Naturalmente se tu avessi informazioni riguardo qualche b&b che danno in gestione ti pregherei di darmene comunicazione se possibile.
    Mio marito è un tecnico informatico che lavora autonomamente da circa 12 anni, credi che potrebbe trovare lavoro in qualche azienda?
    Grazie mille per le tue informazioni ed in bocca al lupo per la tua vita in Canada.

    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aprire un'attività in Canada non è cosa facile, anzi. Il governo richiede una sorta di garanzia economica che viene trattenuta per qualche anno. Avere un socio che è cittadino canadese agevola il tutto e, anzi, permette di avere anche finanziamenti governativi.
      Sul mercato dei B&B non saprei dare un giudizio, non avendoli nè frequentati nè ricercati durante la mia permanenza a Vancouver.
      Per quanto riguarda il lavoro come tecnico informatico, avendo esperienza è possibile trovare, ma conta molto anche la lingua e il visto che si ha in mano.

      Elimina
    2. Caro Nicola, spero che tutto vada bene,
      ti riscrivo perchè con mio marito stiamo copilando la domanda per trasferirci in Canada attraverso il programma di Skilled Worker List, mio marito rientra quale ingegnere elettronico in 2 categorie che sono presenti nelle liste pubblicate e così abbiamo deciso di intraprendere questa strada.
      Volevo chiederti se mi sai dire se pagando la tassa di iscrizione di 150 CAD per l'iscrizione alla Lista devo avere subito tutti i documenti pronti o se ho ancora tempo successivamente per terminare di prepararli.
      Inoltre ti chiedo se rivolgendosi al Consolato o Ambasciata canadese in Italia possono aiutare a chiarire la procedura da seguire per non commettere errori.
      Siamo intenzionati a prendere una certificazione per la lingua inglese già in Italia, nella loro ceck list per il programma sono annoverate 2 o 3 certificazioni ma non capisco se queste sono indispensabili prima di arrivare in Canada o se sono solo un punto aggiuntivo per la valutazione della domanda.
      E' annoverato in un punto di presentare un documento comprovante che hai un conto con sufficienti soldi per mantenerti una volta arrivato in Canada ma non indicano alcuna cifra sai dirmi se ci sono dei limiti minimi?
      L'intenzione è di pagare la tassa di iscrizione per entrambe ma in pratica la domanda principale di permesso di lavoro è per mio marito, sai se sia possibile nel caso venga chiamato che arrivi lui per primo per la ricerca del lavoro e di una sistemazione abitativa e che io ed i bambini possiamo raggiungerlo successivamente visto che anche io ho pagato per l'iscrizione in relazione alla sua domanda?
      Spero che tu possa darmi indicazioni in merito ma soprattutto speriamo vivamente di poter riuscire ad arrivare in Canada....prima o poi!
      Grazie
      Cinzia

      Elimina
    3. Premetto che non ho mai approfondito più del dovuto il Federal Skilled, non avendone usufruito.
      LA fee di 150$, credo sia legata all'application quindi il pagamento va effettuato al momento della spedizione dei documenti. La certificazione della lingua inglese, se non ricordo male, è requisito indispensabile per avere la residenza permanente.

      Per quanto riguarda i soldi, se si ha un lavoro in Canada non dovrebbe essere necessario dimostrare niente, altrimenti la cifra varia in base al numero di persone che si devono mantenere. Sul sito del CIC mi pare di avere visto una tabella a riguardo.

      L'ambasciata dovrebbe essere d'aiuto dato che sono loro a occuparsi della pratica se effettuata dall'Italia. Non sempre è facile comunicare con loro, ci vuole un po' di pazienza.

      Non mi risulta ci sia nessun obbligo ad arrivare insieme, per cui tuo marito può andare in avanscoperta e poi essere raggiunto più avanti.

      Elimina
  6. ciao nicola come gli altri ti ringrazio per la tua disponibilità a spiegarci la vita canadese.
    vorrei chiederti: so che ogni anno il canada rilascia una lista di lavori richiesti, e se si è fortunati a rientrare in tale lista si può provare a venire in canada, ma non ho capito bene l' iter da fare.
    mi sai dire qualcosa a riguardo?
    sai se c'è richiesta di "tecnici di radiologia medica"? ( la laurea triennale delle professioni sanitarie, la specialistica ed i master italiani valgono qualcosa?)
    grazie anticipatamente
    fabio

    RispondiElimina
  7. Il 4 maggio riapre il Federal Skilled Worker Program. Accetterà solo 5000 application (300 per ogni classe) per le professioni elencate che trovi qui: http://www.cic.gc.ca/english/department/media/backgrounders/2013/2013-04-18.asp

    Inoltre trovi anche gli altri requisiti, come riconoscimento dei titoli effettuato da un ente terzo riconosciuto dal Canada, test di conoscenza della lingua, etc.

    RispondiElimina
  8. Ciao Nicola, sono Patrizio
    è dovere farti i complimenti per il tuo Blog molto semplice ed esausitivo. Ho letto che è praticamente impossibile avere uno sponsor dall'italia, ho notato perchè pur essendo uno Skill e avendo mandato più di 200 mail solo uno mi ha risposto dicendomi che quando arrivo in Vacouver di farglielo sapere forse, è una specie di colloquio????
    Vengo al dunque.. ti ringrazio anticipatamente per la tua risposta.
    Io e mia moglie oramai siamo alla soglia dei 50 anni con un figlio di 16, cosa voglio dire che siamo stufi dell'italia in quanto grazie alla crisi che persiste fino ad ora, siamo stati costretti a chiudere la nostra attività con ben 15 dipendenti, e dopo vari ragionamenti,abbiamo deciso di trasferici in una città come Vancouver per tutte le cose che sappiamo.
    Noi vogliamo trasferirci appunto in Vancouver per poter lavorare (in quanto siamo dei Skill e se tanto mi da tanto dovremmo trovare lavoro abbastanza facilmente ) in santa pace, per dare un futuro sicuramente migliore a nostro figlio. Ti chiedo un paio di cose; abbiamo intenzione di venire in Vancouver per fine luglio e il mese di agosto per cercare lavoro portandoci dietro tutti i documenti possibili, ( ma bisogna tradurli ed asseverarli?) le aziende che periodo chiudono? tutto il mese di agosto oppure no? agosto è l'unico mese nel quale possiamo spostarci,anche perchè lavorando solo io, non posso chiedere permessi al datore di lavoro (che comunque non mi concederebbe). una volta sul posto per cercare di tenere i costi bassi dove ci consiglieresti di soggiornare per tutto il periodo? in un B&B in una pensione oppure affittare un appartamento. Un ultima domanda ma se dovessi trovare uno sponsor in quel periodo devo tornare in italia per poi ritornare? se si poi posso portare i componesti della famiglia per richiedere il visto permanete ed iscrivere mio figlio alla scuola ?
    P.S. Ho sentito che si può comperare la cittadinanza o il permesso permanente ne sai qual'cosa?
    Tanti punti di domanda vero... sai questi servono per chiudere il cerchio.
    Grazie per la tua pazienza ed un saluto da un'italia ormai alla deriva.
    Patrizio and family

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizio,
      trasferirsi con tutta la famiglia non è facile, specialmente quando non si rientra nei limiti per una WHV. è difficile trovare uno sponsor non solo dall'Italia, ma anche se si è in Canada, in quanto il datore di lavoro deve andare ad occhi chiusi. Riguardo il tuo piano di trovare lo sponsor ad agosto, le regole sono parecchio cambiate e la sola LMO richiede circa 6 settimane.
      Le aziende sono comunque tutte aperte: in Canada non esistno le 2 settimane di ferragosto dove tutti contemporaneamente vanno in vacanza. Qui si prendono ferie durante tutto l'arco dell'anno, basta dare del preavviso e cercare di rendere più agevole possibile il passaggio delle consegne a chi ci coprirà durante la nostra assenza.
      Come alloggio per un periodo medio lungo, l'appartamento resta la soluzione migliore.

      Per quanto riguarda l'estensione del visto alla famiglia, dipende dal visto che ottieni. Se è un WP, è possibile estenderlo alla compagna, non ho idea come funzioni per il figlio, ma suppongo sia un processo analogo.

      Sull'acquisto di cittadinanze e permessi, mi pare ovvio si parli di cose illegali.

      Elimina
  9. Ciao, Nicola
    Complimenti per il Blog, le informazioni che ho trovato ci sono di grande aiuto!
    Io vorrei chiederti una cosa. Mio marito lavora per una compagnia marittima sotto bandiera panamese. Nel caso ci trasferissimo in Canada sai dirci se bisogna pagare le tasse sui redditi percepiti all'estero??? E un'ultima domanda: esistono delle tasse sui soldi che uno ha sul conto corrente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stiamo andando un po' troppo nello specifico. Posso raccontare la mia esperienza che è comune alla gran parte delle persone che vengono a lavorare in Canada, ma non posso sapere le singole convenzioni che ci sono fra i singoli Stati.

      Per quanto riguarda i conti correnti non esistono bolli come in Italia, solo le spese di mantenimento del conto, che variano da banca a banca, ma sono quasi tutte organizzate allo stesso modo: un conto base da pochi dollari/mese che comprende un numero limitato di operazioni e poi ad aumentare delle operazioni incluse un aumento del canone. Io pago 13,95$/mese per operazioni illimitate e 2 bonifici on-line inclusi al mese, ma questa fee viene restituita se si mantiene una certa cifra sul conto. Nel mio caso sono 3000$, e limiti inferiori per piani che costano meno.

      Si pagano le tasse sui profitti bancari, se si supera una certa soglia di guadagno in un saving account (un conto deposito solitamente agganciato direttamente al conto principale)

      Elimina
  10. Ciao Nicola,
    stiamo procedendo con la compilazione dei documenti per inviare la domanda al governo canadese in riferimento ad un VISA per lavoro stavamo cercando uno studio di avvocati o similari che ci desse supporto per la compilazione della pratica ed abbiamo trovato la seguente:
    http://www.canadianvisaexpert.com
    ne sai qualcosa? Non vorremmo fosse una truffa, visto che nei blog abbiamo trovato commenti negativi su eventuali agenzie che si occupano di queste pratiche.
    Grazie mille

    RispondiElimina
  11. In Italia la pressione fiscale reale ufficiale è del 54% pertanto mi sembra che in Canada riescano ad avere una pressione fiscale più "umana" a fronte di servizi di gran lunga maggiori e migliori di quelli italiani. Nell'articolo non si legge nulla in merito all'assistenza sanitaria, ovvero se a fronte delle imposte pagate, ai cittadini residenti spetta una qualche forma di assistenza sanitaria gratuita o se tutto è demandato alla assistenza sanitaria privata e quindi a pagamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assistenza sanitaria è a parte. In BC costa circa 66.50$/mese per una singola persona, 120.50$ per la coppia e 133$ per famiglie di 3 o più.
      Per i redditi sotto i 30,000$, divisi in vari scaglioni ci sono riduzioni (sotto i 22.000$/anno non si paga niente).

      Esistono poi assicurazioni private per integrare la sanità pubblica. Praticamente tutte le aziende medio-grandi offrono come benefit l'assicurazione privata ai dipendenti sotto varie forme a seconda dell'azienda (spesso includendo anche la parte di sanità provinciale). Nel mio caso il premio assicurativo è diviso al 50% con l'azienda. In totale pago circa 80$/mese e ho copertura pressochè totale. 80% delle medicine con ricetta, spese dentistiche, cure ospedaliere sia in Canada che in viaggio all'estero, visita oculistica annuale e altro. Ovviamente questo è frutto dell'integrazione dell'assicurazione privata.

      Elimina
  12. CIao Nicola,
    innanzitutto complimenti per il blog. Sono qui in Canada col il working visa e, ahime, il prossimo mese devo tornare in Italia.
    Ho letto nell'articolo che chi rimane qui per meno di 6 mesi ha il diritto al rimborso delle tasse (sarebbe il mio caso).
    Puoi dirmi un po ome dovrei fare per ottenere questo, quali uffici, carte da compilare ecc ecc???
    grazie mille

    Camine :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      il tutto avviene con la dichiarazione dei redditi per l'anno in questione. Suppongo tu abbia lavorato nel 2013 in Canada, quindi a inizio 2014 dovrai compilare la dichiarazione dei redditi seguendo la guida che verrà rilasciata. è possibile anche compilare il tutto dall'estero e farsi accreditare i soldi anche in valuta estera. Prova comunque a chiedere al datore di lavoro il tuo T4, anche se solitamente vengono preparati a fine anno; prendi almeno accordi per fartelo spedire. Dev'essere allegato alla dichiarazione.

      Elimina
    2. Ok grazie mille per le info!!!quindi la dichiarazione dei redditi la devo compilare sicuramente una volta tornato in italia???

      Elimina
  13. ciao nicola sono luca di torino,anche io come molti sono intenzionato al trasferimento in canada...vorrei aprire un attività artigianale possibilmente con un socio canadese ( ho dei contatti a Toronto con amici canadesi)...secondo te è una via più percorribile???ciao e grazie

    RispondiElimina
  14. ciao nicola complimenti ancora per il blog...sono marco e lavoro in italia nella ditta di mio padre nel campo edile stradale e opere naturalistiche...le cose però non promettono bene e sarei intezionato a trasferirmi in canada... se io riuscissi a contattare una ditta canadese e quindi a trovare prima il lavoro del visto per entrare in canada le cose sarebbero più semplici?

    RispondiElimina
  15. Ciao Nicola, complimenti x il blog. Una domandina diretta diretta.... conoscendo poco l'inglese e avendo voglia cmq di trasferirmi li x cercare lavoro che tipo di visto devo richiedere?
    grz Sergio

    RispondiElimina
  16. Per prima cosa grazie per tutto ciò che ho letto nel Blog!
    Mi chiamo Marco e vorrei porti una domanda o più domande!
    Premetto che sono un cacciatore e che il Canada è da sempre stato un mio sogno, in questi giorni mi è giunta una proposta che a 39 anni mi sembra interessante!
    Se io avessi una proposta di lavoro in Canada, quindi uno sponsor che richiedesse la mia presenza in Manitoba e, nonstante il fatto di non avere una laurea, accettassi l'offerta che dovrei fare? Il work permit me lo farebbe la società canadese? Ma soprattutto, se mi offrono un salary di 90.000/120000$ annui vuol dire lordi o netti da incomig tax?
    Scusate il disturbo e grazie mille.
    Marco (nerolima@gmail.com)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao marco.
      Chi ti offre il lavoro deve richiedere una labor market opinion, ovvero un via libera per assumere uno straniero in quanto c'è carenza di persone in quel settore. Ottenuta una lmo positiva tu puoi richiedere un work permit all'ambasciata o richiederlo direttamente al border. Ci potrebbero tuttavia essere regole diverse per un lavoro particolare come quello del cacciatore di cui non sono a conoscenza.
      Per quel che riguarda gli stipendi,se non è diversamente specificato si intendono sempre lordi.

      Elimina
  17. Ciao Nicola, pure io ti faccio i miei complimenti per il blog.. risponde a tande domande che mi sono fatto e non. Io avrei solo da chiederti un consiglio se puoi darmelo..
    Io sono nato in Canada (Toronto) ma ritornato in Italy da piccolo.
    Di conseguenza ho la cittadinanza Canadese.
    Ora stavo pensando di aprire un'attivita' a Toronto.
    Tu dici che vale la pena? visto l'andazzo che tira con questo governo e con i seguenti non ho tanta fiducia che migliorera'..
    Tu cosa ne pensi?
    Grazie per il tuo pensiero e punto di vista.
    saluti Antony

    RispondiElimina
  18. Ciao Nicola sto per avere una proposta di contratto dal Montreal impact essendo giocatore professionista di calcio.vorrei chiederti come funziona il sistema fiscale per i contratti tipo quello che mi verrà offerto siccome sarei un lavoratore fuori sede credo...grazie OUSSAMA E.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      la tassazione sugli sportivi è parecchio particolare. Da quel che ho capito ci sono delle regole per cui si pagano le tasse dove si produce reddito. E uno sportivo produce reddito ovunque giochi. Quindi se giochi 2 partite all'anno a Los Angeles contro i Galaxy, allora devi pagare alla California le tasse su quella piccola parte di reddito dovuto alle 2 partite giocate lì. Sembra quindi che uno sportivo debba pagare tasse anche in 20 posti diversi. Vista la situazione particolare mi rivolgerei ad un esperto del settore e sono sicuro che in una società ben strutturata come quella dei Montreal Impact c'è qualcuno che ti potrà aiutare. In bocca al lupo per l'avventura canadese, anche se in realtà io qui simpatizzo per i Vancouver Whitecaps. :)

      Elimina
  19. Ciao Nicola, pure io ti faccio i miei complimenti per il blog.. risponde a tande domande che mi sono fatto e non. Io avrei solo da chiederti un consiglio se puoi darmelo..
    Io sono nato in Canada (Toronto) ma ritornato in Italy da piccolo.
    Di conseguenza ho la cittadinanza Canadese.
    Ora stavo pensando di aprire un'attivita' a Toronto.
    Tu dici che vale la pena? visto l'andazzo che tira con questo governo e con i seguenti non ho tanta fiducia che migliorera'..
    Tu cosa ne pensi?
    Grazie per il tuo pensiero e punto di vista.
    saluti Antony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      non posso essere io a dire se vale la pena. Troppi i fattori in campo per prendermi questa "responsabilità". Un'attività comunque non si improvvisa, ci vuole pianificazione a partire dal cosa fare. Come consiglio posso darti di non fare l'errore di fare qualcosa che funziona in Italia e andare sul sicuro perchè non è detto che funzioni in Canada. Sicuramente il made in italy è apprezzato, ma lo stile di vita e la cultura è diverso per cui bisogna fare qualcosa che si adatti e funzioni in Canada.
      La cittadinanza poi, sicuramente aiuta e agevola l'apertura di attività imprenditoriali rispetto a chi non ha residenza o cittadinanza.

      Si dice sempre che il Canada e gli USA sono i Paesi delle opportunità, ma sta a noi coglierle. Non si avrà successo per il solo fatto di aprire un'attività qui piuttosto che in Italia, ma si avrà successo se si ha l'idea giusta, nel posto giusto, al momento giusto e si hanno poi le competenze per farla funzionare e adattarla all'evoluzione del contesto.

      Elimina
  20. Ciao Nicola,
    complimenti per il blog, molto accurato e "professionale". ce ne sono tanti sul Canada, molti abbastanza strampalati e superficiali, qui invece trovo info precise e link molto utili che mi stanno aiutando non poco a prendere una decisione molto importante.
    Lavoro in Italia per una multinazionale molto "importante" nel settore in cui opera (Worldwide Freight Forwarder) e solida. Ho sempre desiderato trasferirmi in Canada e finalmente si è aperta una porta in quanto 3 anni fa l'azienda ha aperto 3 uffici in Canada rilevando la società terza che lavorava per nostro conto. A Novembre 2013 mi hanno finalmente chiamato a Toronto per un colloquio. La cosa impressionante e sconvolgente dal mio punto di vista è l'estremo senso civico ed altruista che ho trovato, l'umiltà delle persone è disarmante, sembra di essere su un altro pianeta.... A parte ciò mi è stata fatta una proposta lavorativa ed ovviamente economica. Ora, grazie ai tuoi link ed info sono risalito a tutte le info necessarie a calcolare il "netto" togliendo quindi Federal TAX, provincial TAX, Canada Pension Plan ed Employment Insurance. Quello che ti chiedo è: c'è altro da considerare? Queste 4 voci sono TUTTE le trattenute che devo considerare o si paga altro? Altra domanda: ho moglie ed un figlio di 5 anni che ovviamente verranno con me e saranno "sponsorizzati" da me per quanto concerne permessi e visto. Ci sono detrazioni per i familiari a carico?
    L’offerta di lavoro comprende anche “Family Health Plan for partial payment of drugs, glasses, and other expenses not covered by the state Health Plan”
    Significa che non pago medicine, occhiali, ecc…? Quindi cos’è che copre lo stato?
    Altra domanda un po’….. “particolare”… : quanto dovrei guadagnare per poter vivere “decentemente”? Mi spiego, 75K lordi sono abbastanza per vivere decentemente? Lo so che il “benessere” è soggettivo, ogni persona stabilisce il proprio livello di benessere in base a diversi criteri, giusto per farti capire come sono, a me non interessa avere la Porsche piuttosto che il tv da 70 pollici o andare fuori a cena ogni sera…. il mio livello di benessere è arrivare a fine mese senza dover tirare la cinghia. Qui in Italia facciamo fatica nonostante il mio stipendio e quello di mia moglie siano più che dignitosi.
    Scusa per la miriade di domande e grazie per tutte le info che potrai darmi.
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      mancano sostanzialmente 2 cose: la sanità (che varia da provincia a provincia, in BC per una famiglia è 120$/mese). Questa copre tutti i trattamenti medici, ricoveri ospedalieri e per chi ha basso reddito pure parte delle medicine. QUasi tutte le società offrono come benfit aggiuntivo l'assicurazione sanitaria comprese estensioni (come mi pare di capire sia il tuo caso) che vanno a coprire anche cure non coperte dall'assistenza base provinciale come il dentista, l'oculista, le medicine (a prescindere dal reddito e comunque quelle su prescrizione medica). Nel mio caso tutte le spese di assicurazione medica sono a metà con la società, altri hanno il 100% a carico della società, altri hanno la base a carico del lavoratore e il resto a carico della società etc.
      La seconda cosa che manca sono gli RRSP, ovvero contributi pensionistici volontari. Il CPP, infatti, offre pensioni minime, mentre se si vuole costruire un buon fondo per la sicurezza finanziaria in età di pensione è praticamente un obbligo spostare parte del reddito in fondi pensionistici. Spesso sono le stesse aziende a offrire come benefit pacchetti di gruppo (sempre nel mio caso, la società mette vicino una percentuale di quello che verso nei fondi RRSP che parte dal 25% a ll'inizio fino al 100% dopo un paio d'anni). Il vantaggio degli RRSP è lo spostamento nel tempo del pgamento delle tasse, in quanto l'intera somma versata nel fondo viene detratta dal reddito imponibile andando a ridurre le tasse da pagare per l'anno in questione. Le tasse saranno pagate poi quando si preleva dal fondo (e si suppone che in età pensionabile ci si ritrovi in una fascia di reddito più bassa e quindi un'aliquota marginale più bassa).
      Vorrei trovare il tempo per fare un nuovo post proprio sugli RRSP, è tanto che non aggiorno questo blog, mi riprometto di farlo, ma poi dedico il poco tempo libero ad altro.

      Sul reddito. 75k lordi sono un buon stipendio. Come dici te lo stile di vita è soggettivo, ma avendo anche moglie e figlio non saprei quantificare. So che mantenere un figlio costa tanto, ma non so esattamente quanto. Ci sono detrazioni possibili per figli a carico, per le spese di istruzione. In maniera, credo, non molto diversa dall'Italia a livello concettuale.

      Elimina
  21. ciao Nicola,
    complimenti per il blog, mi accodo agli altri.
    Proviamo a tagliare la testa al toro: un inserzionista su un lavoro trovato su Craiglist dice che lo stipendio è di 40k + bonus variabile tra i 4k e gli 8k all'anno. Facciamo un medione secco a 46k.
    In soldoni quanto diventano netti al mese ?
    Hai detto che le tasse sono al 30% circa. Quindi 33,2k che diviso 12 fa 2.683 $. (l'annuale immagino non esistano tredicesime e quattordicesime giusto ?).
    Questi 2.683 € devono però essere decurtati Minimo di 120 $ (per la sanità) e di ? 200/250 ? Per quella che è la nostra trattenuta pensionistica. (dimmi tu). Diventano 2.315 $ che se non erro sono circa 1.500 € che è esattamente quanto prendo qui in italia solo che in italia ho anche tredicesima e quattordicesima.
    Quindi in devinitiva un 46k annuali sono circa 1.300 € mensili "italiani" ???
    Non parliamo di servizi e qulità, parliamo solo di numeri...

    Ho sbagliato qualcosa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda se non è contro le policicies ti linko direttamente l'annuncio...
      http://toronto.en.craigslist.ca/tor/mar/4314443755.html

      Elimina
  22. Ciao Nicola,
    complimenti per il sito, molto chiaro ed esaustivo. Ho una domanda: mi trovo a vancouver con la Working Holiday e dovrei effettuare la dichiarazione dei redditi per il 2013.

    Ho cecato informazioni su diversi siti (compreso quello del CRA) e da quello che ho capito dovrei compilare (in quanto non-resident) 4 modelli.

    Potresti confermarmi che i moduli in questione sono
    -Schedule A
    -Schedule 1
    -BC428
    -T1234?

    Inoltre, è possibile richiedere rimborso delle spese sostenute nel 2013 per frequentare un corso di inglese qui a Vancouver?

    Ti ringrazio infinitamente,

    Martina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martina,
      mi chiamo Simone e nel 2013 ho lavorato in Alberta con un Working Holiday Visa. Ora sono in Italia in attesa della LMO e, anche se non ho più legami col Canada, credo che devo compilare anch'io le form per il tax return. Anch'io dopo quasi una gironata di ricerche ho trovato da scaricare gli stessi moduli che hai indicato (nel mio caso ho l'AB428) + il T1 General. Ho chiesto anche conferma al mio datore di lavoro canadese e a degli amici in Canada, spero mi rispondano a breve. Il mio dubbio è se devo dichiarare anche i redditi percepiti in Italia nello stesso anno, come indicato nella schedule A e al rigo 52 della schedule 1. Tu ne sai qualcosa?

      Grazie mille

      Simone

      Elimina
  23. Ciao Nicola, grazie per il tuo blog. Io sono Daniele e con il mio amico Cristian ,vorremo trasferirci in Canada. hai informazioni se cercano tecnici nel campo degli elettrodomestici ? considerando che noi lavoriamo nel settore da circa 22 anni , ma senza diploma purtroppo e con un eta' che ci obbliga a fare una scelta molto in fretta (37 e 38 anni ) .cosa ci puoi dire? grazie anticipatamente

    RispondiElimina
  24. Ciao Nicola, viste le tue risposte esaustive agli altri utenti, provo a chiederti consiglio.
    Io avrei bisogno di alcune delucidazioni:
    Ho un datore di lavoro a Regina Sk. che ha presentato per me il 20 gennaio la domanda per Skilled Worker, ora quello che vorrei sapere e se ho bisogno di presentare una valutazione del mio livello di inglese (IELTS) "prima" quindi nella domanda o "dopo", quando arrivo li... Perchè io con la domanda ho presentato un certificato IELTS che però ho sostenuto nel 2010, e leggo che non deve essere più vecchio di due anni... O magari dato che ho l'offerta di lavoro non mi serve?!
    Poi volevo capire quanto tempo ci metteranno a valutarmi ed inviarmi la lettera, di solito con l'offerta di lavoro non si fà più in fretta? tu mi sapresti dire qualcosa in merito?! perchè alcuni mi hanno detto che passano dalle 6 settimane ai 3 mesi, tra poco sono già sei mesi e lui non ha avuto ancora risposta dopo aver presentato la domanda, l'attesa è pesante... mi chiedo quando riuscirò a partire, tra una cosa e l'altra.
    Grazie, un abbraccio
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volevo dire 3 mesi, sono quasi passati 3 mesi al 20 aprile...
      grazie

      Elimina
    2. Caro Luca ho letto il tuo post, volevo dirti che per esperienza personale, mio marito sta già lavorando in Canada Alberta, la richiesta di LMO fatta dal tuo datore di lavoro può impiegare anche 6 mesi ad arrivare e i alcuni casi , colleghi di mio marito anche 7/8 mesi. Ci vuole pazienza, ma ti comprendo anche per noi l'attesa è stata un'agonia finché un giorno tutto è arrivato.
      abbi fede.
      ciao e in bocca al lupo
      Cinzia

      Elimina
    3. una volta che arriva la risposta però quanto ci vuole per partire?
      poi comunque quel che mi chiedo è se sono già passati 3 mesi, nel caso ci fossero delle integrazioni da fare, riguardo a documenti o altro, avrebbero già contattato giusto?
      grazie per la tua risposta e crepi il lupo.
      Luca

      Elimina
  25. Ciao a tutti, ieri ho ricevuto la risposta per la mia Application con offerta di lavoro, l'esito è positivo, ora dovrei passare alla fase successiva, c'è qualcuno ferrato in materia che mi potrebbe dare dei consigli?!
    vorrei anche capire se devo rifare l'esame IELTS di inglese prima o dopo che arrivo in Canada?!la mia Applicatione è stata fatta come SINP in Saskatchewan, per una categoria NOC B (Architecture Technologist), Chiedo questo perchè l'inglese di livello 4 CLB, è obbligatorio per una domanda da Skilled Worker, però non so se è obbligatorio solo per NOC C e D o anche per A e B...
    qualcuno mi può aiutare?!
    grazie
    Luca

    RispondiElimina
  26. Ciao sono valentino forse nn so se posso ma sto cominciando a muovermi a chiede un trasferimento in canada visto che la mia azienda ha delle sedi li....
    Sono operio nel settore chimico, chimico farmaceutico che qui in italia nn è malissimo ma voglio andarmene e dare spero un futuro migliore ai miei figli....
    Quanto prende un operaio chimico ??
    E si puo vivere decentemente? Cercando poi cmq qualcosa anche pwr mia moglie una volta ambientati?
    Quanto costa un affitto iniziale in un paese limitrofo a toronto dove cmq si vive bene?
    Grazie mille......

    RispondiElimina
  27. sono un cittadino italiano e sono residente in Italia,vorrei un informazione, nel riempire il modello T4 devo indicare soltanto le pensioni canadesi o devo dichiarare le pensioni che ho in italia?

    RispondiElimina
  28. Are you looking for the best IELTS training center for study in Canada then you can visit our website. For more details open this link.

    RispondiElimina